Franco Torcianti KTM

I VOSTRI RESTAURI: Franco Torcianti

Volendomi innanzitutto scusare per la mia assenza dal blog lunga oltre tre mesi, propongo oggi un “trittico” di articoli riguardanti altrettante moto realizzate da un nostro lettore, il sig. Franco Torcianti (www.francotorcianti.it) da Osimo (AN), grandissimo appassionato di moto d’epoca e non.

Inizierei prima di tutto con un breve excursus della sua vita “motociclistica” illustrato direttamente dalle sue parole…

“Dal mio sito avrà potuto vedere che la mia non è più una età proprio verde: ma se vecchi si nasce e giovani ci si mantiene, io credo di aver fatto del mio meglio.

La passione per le moto, come quella per l’arte, risale a quando ero bambino. Avevo 4 anni ed ero sempre arrampicato sul sidecar Benelli 500 con cassettone laterale che mio padre usava per lavoro.

Appena in età ho preso la patente per la moto e da allora è rimasta il mio mezzo privilegiato. Se potessi non userei mai l’auto. Dato che nella mia zona c’erano e ci sono molte  belle piste da cross, ho cominciato a rattoppare (in pratica si applicava una corona maggiorata,un manubrio largo,si alzavano i parafanghi e si montavano due gomme artigliate molto simile a quelle di una motofalce) qualche vecchia 2T stradale…negli anni 60  il cross  minore si faceva cosi. Sono stato l’iniziatore del cross minore nella mia zona e poi piano piano tutto si è evoluto. Dai 20 ai 30 anni ho praticato il cross cadetti e la regolarità.

Nel frattempo mi ero laureato in giurisprudenza, dipingevo e facevo mostre, lavoravo.., mi sposavo ecc..

Da allora ho sempre avuto sia moto da fuoristrada che stradali. Attualmente in  garage ci sono una ventina di moto sia d’epoca (NSU MAX 250,Gilera 124 Regolarità Casa,DKW 125 del 1953,KTM 125 GS,250 MC5,350 GS,Gilera Rally250,yahmaha 6oo Tenerè,Honda xr 600) che attuali (BMW 1200 R,Kavasacki 636 Ninja,Kava 750,Kava 125 cross,Cagiva 125Luckiy Esplorer,KTM 400). Alcune sono in comunione con i miei due figli.

Con il KTM 400,mi concedo ogni tanto delle girate per mulattiere con i miei due amici Giovanni e Giancarlo. Ogni uscita sono almeno 150 km con sosta obbligata per fettuccine ai funghi, grigliata e vino rosso.Il tutto ovviamente con lo scopo di non farsi male. Ogni anno mi concedo un viaggio con la BMW: quest’anno sono stato in Cappadocia, l’anno scorso in Lituania, l’anno precedente sui parchi delle montagne Rocciose in Canada.

Da qualche anno sono in pensione e quindi ho più tempo sia per l’arte che per le moto.

Veniamo alle tre moto.”

One thought on “I VOSTRI RESTAURI: Franco Torcianti

  • silvano

    caro Franco ma lo sai che da qualche parte ci potrebbe essere una delle tue primissime creazioni su base MV di cui ne entrai in possesso nel 1967

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *