Moto_Guzzi_Condor_500

MOTO D’EPOCA: MOTO GUZZI Condor 500

Condor 500 era una moto prodotta dalla Moto Guzzi alla fine degli anni ’30.

Era una moto progettata per le competizioni ma ben improntata al mercato dei piloti privati, grazie alle sue doti di facilità di guida e al suo prezzo molto concorrenziale.

Il progetto è merito di un giovane Giulio Cesare Carcano che, partendo dalla GTW, riuscì ad ottenere una moto molto affidabile (caratteristica indispensabile per chi, da privato, doveva effettuare quante più gare possibili senza dover metter mano alla meccanica) ma allo stesso tempo dalle ottimi doti prestazionali.

Il propulsore era quello collaudatissimo della GTW ma fu potenziato ed irrobustito. Era un monocilindrico orizzontale 4 tempi di 498.4c.c. con raffreddamento ad aria e distribuzione ad aste e bilancieri e due valvole ospitate dalla testa in lega leggera.

Erogava una potenza di 28Cv a 5000 giri/minuto il che, unito al peso di quasi 130Kg, le permetteva di raggiungere una velocità massima di oltre 160Km/h.

Il cambio disponeva di 4 rapporti mentre la frizione era multidisco in bagno d’olio.

Il telaio era una doppia culla mista in tubi e lamiera d’acciaio, la forcella era a parallelogramma mentre al posteriore c’era un forcellone oscillante. Entrambe le sospensioni erano coadiuvate da ammortizzatori a frizione, molto in voga all’epoca. Freni entrambi a tamburo.

Alle caratteristiche di agilità di questa moto si deve una vittoria di Nello Pagani, la prima di questa moto, il quale riuscì ad imporsi su moto ben più potenti su una pista molto tortuosa come quello del Circuito del Lario.

Dopo quella vittoria ne seguirono molte altre, specialmente durante gare di durata, a conferma dell’eccellente affidabilità di questa moto.

La produzione della Condor cessò a causa della Seconda Guerra Mondiale e successivamente fu sostituita dal “Dondolino“.

One thought on “MOTO D’EPOCA: MOTO GUZZI Condor 500

  • Mario Rosso

    Crco per un Amico MOTO D’EPOCA: MOTO GUZZI Condor 500
    cerco Prezzo se potete Grazie da Mario Rosso Veneto

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *