Suzuki_T500_Titan

MOTO EPOCA: SUZUKI 500 Titan

La Titan 500 (o T 500) era una moto prodotta dalla Suzuki a partire dal 1967.

La moto era l'”ammiraglia” della casa nipponica, era infatti il modello con la cilindrata maggiore di tutta la sua produzione del momento.

L’unica sua concorrente era la Kawasaki H1 500 (dotata di propulsore 3 cilindri 2 tempi) mentre il resto della produzione pari cilindrata aveva motori a 4 tempi(basti pensare all’Honda Four).

La primissima versione era molto improntata sulla sportività, aveva un assetto rigido e poco confortevole che assecondava una guida precisa e diretta ma, successivamente, le fu aumentata l’avancorsa per avere una moto più comoda ma soprattutto che soddisfacesse le esigenze di un più elevato bacino d’utenza.

La prima versione importata anche in Italia fu , nel 1970, la T 500 III Titan mentre, l’ultima evoluzione (ma di nuovo c’era praticalmente solo il nome) fu la GT500 che manteneva inalterato il progetto iniziale.

Sostanzialmente, le modifiche negli anni della Titan riguardarono dettagli estetici, la linea del serbatoio, il freno a disco all’anteriore in sostituzione dell’ormai “obsoleto” tamburo e le caratteristiche d’erogazione del motore che divennero via via meno “appuntite” in favore di una rotondità di utilizzo a tutti i regimi.

Ma veniamo ai dettagli tecnici di questo modello.

Il propulsore era un 2 tempi di 492c.c. di cilindrata bicilindrico parallelo raffreddato ad aria che sviluppava una potenza di 47Cv a 7000giri/minuto.

Il cambio aveva 5 marce con comando a pedale ed era assistito da una frizione multidisco in bagno d’olio che agiva sulla primaria a denti elicoidali mentre la trasmissione finale era a catena.

La ciclistica era costituita da un telaio a doppia culla in tubi d’acciaio, da una forcella teleidraulica e da un forcellone oscillante con 2 ammortizzatori idraulici posti uno per lato. I freni erano entrambi a tamburo per poi adottare il mono disco all’anteriore.

La moto pesava 188Kg e raggiungeva una velocità massima di circa 175Km/h.

La produzione cessò nel 1978 quando tutte le case che producevano motori due tempi di grossa cubatura decisero, quasi all’unisono, di passare all’uso dei propulsori 4 tempi.

5 thoughts on “MOTO EPOCA: SUZUKI 500 Titan

  • agostino

    moto molto bella, per comprarla mi indichi qualcosa ? grazie

    Rispondi
  • silvano

    C’è una imprecisione,la Kawasaki 500 H1 era un tricilindrico a due tempi,non bicilindrico.

    Rispondi
    • Fra

      Ha ragione, ho corretto l’articolo e provvederò entro domani a pubblicare la scheda della H1 500.

      Grazie per il contributo!

      Rispondi
  • walter

    E’ una moto molto bella,ne ho acquistata una pochi giorni fa, è un modello del ’72; colpisce il fatto di quanto sia piccola la struttura rispetto al grosso motore che da una senazione di potenza,che per l’epoca era notevole.Quando si accende il bicilindrico…è una musica!
    Eeh il due tempi ha sempre il suo fascino.

    Rispondi
  • pietro

    ne ho posseduto una nel 71 e devo dire che era unica,peccato che col caldo umido si bagnassero le candele,consumasse olio e i discesa il freno motore non esistesse,per cui giù col freno .però aveva uno scatto micidile e teneva bene sino a 150 all’ora.sembrava un giocattolino ma era ben affidabile e piena di vibrazioni.carburazione messa a punto dai fratelli balliano di torino,veri eperti,chissa dove finita.

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *