ariel_red_hunter

MOTO D’EPOCA: Ariel Red Hunter

Con il nome di Red Hunter venivano identificate una serie di moto sportive prodotte dalla casa inglese Ariel.

Lo sviluppo di queste moto fu affidato al capo progettista Val Page il quale le disegnò utilizzando un motore monocilindrico con albero a camme in testa che aveva lui stesso progettato sei anni prima.

Questa moto era molto affidabile, basti pensare che i motori venivano testati per due ore su un banco prova prima di essere montati sulle motociclette.

Inizialmente i modelli erano caratterizzati dal colore rosso scuro del serbatoio della benzina, successivamente il progetto fu preso in mano da Edward Turner (famoso progettista inglese di moto) e questa produzione è identificabile dalla cromatura che andava ad affiancare il rosso.

E’ con questi nuovi modelli che le Red Hunter divennero molto popolari tra gli appassionati. Fu anche aggiunta una forcella telescopica invece della vecchia a parallelogramma e un paio di ammortizzatori posteriori a cannocchiale (in precedenza il telaio era rigido).

In gara la Red Hunter riuscì ad imporsi grazie alle vittorie di Sammy Miller dal 1955 in poi che utilizzava il modello di 500c.c..

La moto fu prodotta in 3 cilindrate diverse, 250, 350 e 500c.c. e avevano tutte la stessa architettura del motore, lo stesso cambio a 4 marce con trasmissione finale a catena e freni a tamburo.

Il peso si attestava intorno ai 160Kg mentre le velocità massime andavano dai 125Km/h della 250 ai 150Km/h del modello con cilindrata maggiore.

La produzione di questa moto terminò nel 1959.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *