BSA_Lightning

MOTO D’EPOCA: BSA Lightning

La Lightning è stata una motocicletta prodotta tra il 1965 e gli inizi degli anni ’70 dalla casa inglese BSA.

Essa fu prodotta principalmente per il mercato americano, andando così a completare la gamma composta dalle turistiche Thunderbolt e dalle più sportive Spitfire.

Su questa moto si decise di favorire l’affidabilità a scapito delle prestazioni. Infatti la moto risultava meno prestante delle sue “cugine” ma furono pressoche totalmente eliminate le fastidiose perdite d’olio e la rumorosità meccanica dei precedenti modelli.

Anche se peccava in velocità massima, la moto aveva un’ottima accelerazione e ripresa dai bassi giri grazie anche al cambio coi rapporti molto ravvicinati e alla fasatura dell’albero a cammes in testa. Solo la prima marcia risultò essere fin troppo lunga, tanto che per partire occorreva “pelare” la frizione fino a raggiungere i 20Km/h.

Il motore era un bicilindrico parallelo con una cilindrata di 654c.c. con due valvole parallele in testa. Sviluppava una potenza di circa 54Cv a quasi 7000 giri/minuto mentre la velocità massima era di oltre 170Km/h.

Il telaio era un doppia culla chiusa in tubi d’acciaio completato da una forcella telescopica e da un forcellone con 2 ammortizzatori laterali.

La moto conobbe momenti di gloria anche al cinema (James Bond Thunderball) e in alcune serie TV di grande successo in america.

La produzione terminò a causa dei gravi problemi finanziari in cui versava la BSA nel 1972, furono prodotti alcuni esemplari con un nuovo telaio con una seduta più alta ed un paio di centinaia di modelli con cilindrata portata a 750c.c. per poter omologare le versioni da gara, ma tutto questo non servì alla sopravvivenza del famosissimo bicilindrico inglese.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *