MOTO D’EPOCA: NORTON CS1

Scritto da Fra | 6 settembre, 2010 18:38

Verso la fine degli anni 20 le competizioni avevano condizionato tutta la produzione della Norton garantendone una costante e rapida evoluzione tecnologica.

La Norton CS1 presentava una caratteristica unica e per l’epoca innovativa, l’albero a camme in testa. Fino ad allora, infatti, i propulsori erano dotati di valvole laterali con alberi a camme posti nel basamento.

La distribuzione OHC (Over Head Camshaft) di questa splendida motocicletta fu progettata da Walter Moore, un talentuoso progettista che aveva già passate esperienze in Douglas e ABX.

La modifica che apportò ai propulsori Norton fu molto semplice: all’estremità dell’albero motore calettò una coppia di ingranaggi che muovevano un albero a coppie coniche che a sua volta trasmetteva il moto all’albero a camme. Sempre all’estremità dell’albero motore fu montata la pompa dell’olio razionalizzando così al massimo il disegno del propulsore e la disposizione degli organi.

Il propulsore era un monocilindrico verticale con 491c.c. di cilindrata e raffreddamento ad aria.

Il cambio separato aveva 3 marce mentre la trasmissione finale era a catena.

Il telaio era un monoculla in tubi d’acciaio e fu disegnato per poter ospitare il motore che risultava più alto dei precedenti propulsori a causa della più grossa distribuzione.

La sospensione anteriore era costituita da una forcella a parallelogramma con mollone centrale mentre al posteriore il telaio era rigido. I freni entrambi a tamburo.

Successivamente, Walter Moore  passò alla NSU dove travasò gran parte della tecnologia applicata alla CS1 tanto da far soprannominare la NSU come “Norton Spare Used” (Ricambi Usati Norton) dagli appassionati.

Lascia un Commento