Vespa_98

MOTO D’EPOCA: PIAGGIO Vespa 98

La Vespa 98 è il primo modello di Vespa costruita dalla Piaggio, progettata da Corradino D’Ascanio subito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale e presentata al pubblico nel 1946.

I primi commenti non furono entusiastici ma la Piaggio andò avanti nel progetto di presentare un veicolo rivoluzionario grazie alle sue caratteristiche di veicolo economico, differente dal classico concetto di moto, dalla semplicità d’uso e dalla protettività della carrozzeria che offriva un riparo dalle intemperie e che dava la possibilità di guidarlo senza il rischio di sporcarsi gli abiti.

Un’altra caratteristica vincente di questo scooter era la presenza della ruota di scorta, un valore aggiunto non trascurabile visto anche lo stato delle strade dell’epoca.

Le Vespa avevano un affidabilissimo motore due tempi con una cilindrata di 98c.c., il cambio era a 3 marce e l’accensione a volano magnete. Questo sviluppava una potenza di 3,3 Cv a 4500 giri che garantiva il superamento dei 60Km/h ma soprattutto, garantiva la percorrenza di lunghi tragitti alla stessa velocità massima con consumi bassissimi (oltre 40 Km al litro).

Il peso era molto contenuto, solo 60Kg, e il serbatoio aveva un contenuto di 5 litri di miscela al 5%.

Il telaio era un monoscocca in lamiera, sospensione anteriore con molla a spirale e posteriore con tampone di gomma e i freni entrambi a tamburo.

4 thoughts on “MOTO D’EPOCA: PIAGGIO Vespa 98

  • valerio

    L’anno di presentazione non è il 1948 ma il 1946.
    Nel 48, era già presente la versione 125cc.

    Rispondi
    • Fra

      Ho corretto l’articolo, la ringrazio per il prezioso contributo.

      Rispondi
  • francesco

    In fondo una vespa è un ammasso di lamiera con attaccato(storto) un motore da motozappa

    Rispondi
  • H3ndr4

    i like it your vespa douglas…….(-_-)

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *