Matchless_g15

MOTO D’EPOCA: Matchless G15

La Matchless era una delle più storiche case motociclistiche britanniche nata alla fine dell’800 e che produsse motociclette fino al 1966.

La sede dello stabilimento era situato vicino Londra, a Plumstead.

Inizialmente la produzione era limitata alle biciclette, ma nel 1901 iniziò la sua produzione di motociclette caratterizzate dalla M alata, marchio della casa.

Dopo aver presentato numerosissimi modelli, nel 1965 offrì sul mercato la G15, derivata direttamente dal suo modello predecessore, la G12 650. Rispetto a quest’ultima era più sportiva mentre il motore (ricordiamo, di derivazione Norton) aveva un sistema di lubrificazione migliorato ed una rapportatura più corta che ne favoriva l’accelerazione. Contribuivano all’aspetto sportivo i parafanghi in alluminio più piccoli del modello precedente, insieme ai due silenziatori.

Le prestazioni erano notevoli per l’epoca, la moto infatti toccava i 180 Kmh raggiungendo i 100 Kmh da fermo in soli 5,6 secondi.

Il motore era un 2 cilindri paralleli verticali, 4 tempi con una cilindrata di 750 c.c. e 2 valvole per cilindro. Il raffreddamento era ad aria e il cambio a 4 rapporti.

Anche il telaio, un doppia culla in tubi, godette di numerosi miglioramenti rispetto al modello precedente e infine, furono migliorate anche le sospensioni. La moto montava infatti una forcella telescopica e un forcellone assistito da due ammortizzatori laterali.

2 thoughts on “MOTO D’EPOCA: Matchless G15

  • Riccardo

    Buona sera, sono proprietario Di una bellissima matchless G15 completamente restaurata con I suoi pezzi originali.
    per motivi Di spazio e Di lavoro (estivo) non riesco a sfruttarla come volevo.
    vorrei trovare un colezionista veramente interessato all’ aquisto.
    Iscritta FMI unico prezzo in italia !!!!
    Grazie

    Rispondi
  • marco

    Buonasera Riccardo,ho visto il Suo annuncio e se è ancora valido avrei piacere di avere qualche foto, cosa chiede come prezzo.In che città Risiede ? io Padova
    Cordiali Saluti
    Marco Chiabrera

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *