Motoguzzi_Ardetta_250

MOTO D’EPOCA: Moto Guzzi Ardetta 250

Negli anni 30 il governo italiano lanciò la campagna della “moto del popolo” che dava potenzialmente a tutti la possibilità di acquistare una motocicletta pagabile ratealmente tramite il dopolavoro.

Mentre le altre case riadattarono alcuni loro precedenti veicoli, la Moto Guzzi scelse di realizzare una moto dall’elevato contenuto tecnico ma senza quegli orpelli inutili(come le costosissime cromature) che non facevano altro che far lievitarne il prezzo.

La base di partenza fu una P.L. 250 ma l’Ardetta era innanzitutto verniciata in un austero grigio antracite con dei bordi bianchi che ne addolcivano l’immagine. Invece, il cromo, era rimasto solo sul volano, sulla cornice del faro e sullo scarico.

La moto era leggermente più costosa delle sue concorrenti ma poteva vantare una qualità maggiore, prestazioni superiori e altissima affidabilità. Ne furono venduti solo 600 esemplari e la sua vita durò pochi mesi.

Il motore di 250c.c. seguiva il classico stile dei monocilindrici Guzzi dell’epoca, quindi carter motore in lega leggera, cilindro e testa in ghisa con distribuzione ad aste e bilancieri. Il cambio a 3 rapporti era assistito da una frizione multidisco in bagno d’olio.

Il telaio era un doppia culla chiusa in lamiera stampata e tubi, la forcella anteriore era a parallelogramma con ammortizzatore centrale regolabile mentre il retrotreno era rigido, senza sospensione.

Il motore garantiva una potenza di 9 Cv a 4600 Giri/minuto e una velocità di circa 100Km/h.

2 thoughts on “MOTO D’EPOCA: Moto Guzzi Ardetta 250

  • mirco

    buonasera sono mirco abito in friuli,ciò un’attività di restauri moto.Mi sono trovato da restaurare una moto guzzi 250 ardetta del 28 giugno 1939.Questa moto è bellissima da restaurare.Il fatto è che ha le marce a pedalina però il cliente la vuole con le marce manuali.Io non so dove poter trovare questo meccanismo,mi potete dare una dritta per procurare il tutto?

    Rispondi
  • giuseppe

    Forse posso darti un’indicazione, ciao
    Peppe

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *