NSU_MAX

MOTO D’EPOCA: NSU MAX

La NSU Max è stata una delle più diffuse(quasi 100.000 unità) moto da 250c.c. prodotte negli anni ’50 dalla fabbrica di motori auto NSU di Neckarsulm, Germania.

Dagli stabilimenti NSU sono usciti tre versioni della Max, la Standard(con serbatoio piccolo), la Special(con serbatorio più grande) e la Supermax(con ammortizzatori posteriori).

La cilindrata fu scelta per aggirare la tassa sull’importazione per moto con più di 250c.c. prevista in Austria.

La particolarità di questa moto (e novità per l’epoca) era il tipo di distribuzione che prevedeva un singolo albero a cammes in testa comandato da due biellette invece che dalla classica catena o dall’albero a coppie coniche.

Questa tecnologia (chiamata ULTRAMAX) fu voluta e sviluppata dall’allora capo progettista Albert Roder e fu mantenuta fino ai propulsori 2 cilindri della piccola vettura utilitaria della NSU, la Prinz.

Il telaio era una struttura aperta costruita in lamiera stampata con ammortizzatori teleidraulici al posteriore (fino al 1956 però, la sospensione aveva un solo ammortizzatore, centrale) e forcella a biscottini oscillanti mentre il motore sviluppava una potenza di 17 Cv a 6600 Giri/minuto e aveva un cambio a 4 marce che garantiva una velocità di circa 125 Km/h. Il peso era di circa 170 Kg.

Con questa moto(e tutte le sue varianti sportive), la NSU si assicurò grandi successi in numerose manifestazioni sportive sia su strada che fuori strada.

Ringrazio il sig. Roberto Guidotti per il prezioso contributo.

3 thoughts on “MOTO D’EPOCA: NSU MAX

  • roberto guidotti

    Vi siete sbagliati nel pubblicare la foto. Non è una NSU Max (250cc), bensì una NSU Konsul (350-500 cc)

    Rispondi
    • Fra

      Foto modificata, grazie per la precisazione.

      Francesco

      Rispondi
  • roberto guidotti

    Scusate ma c’è un errore anche nel testo, il telaio non è a doppia culla chiusa, bensì è un telaio in lamiera stampata aperto; inoltre per maggiore precisione la forcella anteriore a biscottini oscillanti.
    Inoltre l’originale sistema di distribuzione, usato anche successivamente anche sulla NSU Prinz, si chiamava ULTRAMAX.
    Saluti.

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *