BMW_R75

MOTO D’EPOCA: BMW R75/5

La BMW 75/5 deve la sua nascita all’ing. Hans Gunter Von del MArwitz, con un passato in Porsche, il quale riuscì a dare una nuova vita alla produzione della casa bavarese.

Questa moto è da considerarsi la capostipite di tutta una serie di modelli che diedero un’immagine alla Bmw immutata fino all’uscita, nel 1993, del nuovo boxer, attualmente in produzione.

Le innovazioni introdotte con questo modello riguardavano una nuova posizione dell’albero a cammes sotto l’albero motore, al fine di abbassarne il baricentro, nell’avviamento elettrico e nei nuovi carbutatori a depressione prodotti dalla Bing.

La sua produzione inizia nel 1969 e termina nel 1973 e gli esemplari venduti furono quasi 40.000 in due versioni, la “base” e quella allestita per il mercato americano.

Il telaio è in tubi d’acciaio a sezione variabile con doppia culla chiusa mentre il motore, con i suoi caratteristici cilindri sporgenti, è riuscito a far parlare di se da subito. Esso fu prodotto con cilindrate di 500, 600, 750 c.c. tutte aventi stessa corsa ma alesaggi differenti.

La R75, nel nostro caso, era di 750c.c. con una potenza di circa 50Cv a 6200 giri, una velocità massima di 175 Km/h ed un peso di 190 Kg.

La moto presentava solo due difetti principali, la frenata e la sospensione anteriore troppo “soffice”. Il sottodimensionamento dei freni era un problema legato allo sviluppo dei freni a tamburo dell’epoca che quindi affliggeva tutte le moto di quel periodo(a parte quelle che montavano i fantastici tamburi della Fontana).

Praticamente, con moto in assetto turistico, quindi piena di bagagli, con pilota e passeggero, l’efficacia dei freni non era all’altezza dell’esuberante motore. Questo, unito alla presenza di una forcella molto morbida, provocava un eccessivo affondamento che pregiudicava l’assetto nelle frenate.

Inoltre, nelle curve a pieno carico, il telaio fletteva e metteva a rischio il mantenimento della traiettoria ottimale.

Queste caratteristiche generarono sentimenti di amore/odio tra gli appassionati e la R75/5 ha ancora oggi una folta schiera di ammiratori con un successo pienamente meritato per questa moto dotata, al di la di ogni dubbio, di una gran classe.

One thought on “MOTO D’EPOCA: BMW R75/5

  • salvatore

    Vorrei sapre il prezzo della R75 della foto sopra.

    Grazie

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *